SETTIMANA SANTA – 2020 APPUNTAMENTI DIOCESANI

Le Celebrazioni, senza la presenza dei fedeli, saranno trasmesse in diretta su vari media
Tv
: E’tv – Rete7 (canale 10); Trc (canale 15)
Radio: Radio Nettuno (97.00 – 96.65 o in Dab+)
Streaming: 12Porte Youtube e Facebook
Eventuali variazioni di orario per collegamenti Tv e Radio sono legate ad esigenze di programmazione

Vigilia delle Palme.

La Settimana Santa è stata introdotta a Bologna, negli scorsi decenni, dalla celebrazione cittadina con i giovani, il sabato sera. Quest’anno l’Arcivescovo, alle ore 21.00, guiderà una Veglia di preghiera, riflessione e di testimonianze-video di giovani, che sarà teletrasmessa dalla Basilica di S. Stefano.

4 aprile – Veglia con i giovani per la XXXV Gmg.
Alle ore 21.00
(E’Tv-Rete7 – Streaming 12Porte)

5 aprile – Domenica delle Palme.
Alle ore 10.30 l’Arcivescovo presiederà la celebrazione (trasmessa in televisione) che inizia con la benedizione dei rami di ulivo e la processione introitale alla Messa. I fedeli, dalle loro case, si potranno unire alla celebrazione diocesana, tenendo in mano anch’essi rami di ulivo o di altre piante, che saranno in questo modo benedetti. Nelle chiese parrocchiali la celebrazione si compia commemorando l’ingresso del Signore in Gerusalemme in forma semplice (terza forma del Messale Romano), cioè con il canto di ingresso previsto dal Messale in forma responsoriale e con la dovuta solennità. Non è quindi prevista la benedizione dei rami di ulivo.
(E’Tv-Rete7 – Trc -Radio Nettuno -Streaming 12porte)

9 aprile – Messa crismale.
La Messa crismale è assemblea del Popolo sacerdotale e deve poter prevedere la presenza almeno di una rappresentanza di tutte le categorie di fedeli. Date le attuali limitazioni viene trasferita ad una data successiva alla Pasqua. Si ricorda che, in caso di necessità, ogni presbitero può benedire l’olio per l’Unzione degli infermi come previsto dal rituale per il Sacramento dell’unzione e la cura pastorale degli infermi (Introduzione, n. 21 e 77bis).

9 aprile – Messa in Coena Domini.
Il Giovedì Santo alle ore 17.30 il Card. Arcivescovo celebra, in Cattedrale, la Messa nella Cena del Signore. Nelle altre chiese si può celebrare con le restrizioni prescritte. Si omette la lavanda dei piedi e la processione al termine della celebrazione. Il Santissimo Sacramento viene riposto nel 3 Tabernacolo senza adorazione solenne. Non vengono allestiti altari per la reposizione, né si incoraggiano le visite consuete e le veglie di adorazione. In questo giorno, in via straordinaria, è concessa ai singoli presbiteri la facoltà di celebrare la S. Messa nella Cena del Signore in luogo adatto, senza concorso di popolo. In alternativa si celebri il Vespro, come stabilito nella liturgia delle ore.
(E’Tv-Rete7 – Streaming 12Porte)

10 aprile – Venerdì Santo.
È giorno di digiuno e di astinenza dalla carne.

Alle ore 9.00 il Card. Arcivescovo guida, dalla Cattedrale, la celebrazione dell’Ufficio delle letture e delle Lodi.
(Streaming 12Porte)

Alle ore 15.00 si terrà la Via Crucis presieduta dall’Arcivescovo, teletrasmessa.
(E’Tv-Rete7 – Trc -Radio Nettuno – Streaming 12Porte)

Alle ore 17.30 il Card. Arcivescovo presiede, in Cattedrale, la solenne Celebrazione della Passione del Signore. Nelle altre chiese si celebra la Passione all’orario stabilito, nella forma prevista e con le limitazioni del momento. Quest’anno, nella solenne preghiera universale si introduca (prima dell’ultima) una speciale intenzione (che sarà preparata dall’Ufficio liturgico diocesano) per la situazione attuale di epidemia. Nel rito di Adorazione della Croce si ometta il bacio. Chi non partecipa alla celebrazione della Passione, celebri il Vespro, come stabilito nelle Liturgia delle ore.
(E’Tv-Rete7 – Streaming 12Porte)

11 aprile – Sabato Santo
Alle ore 9.00 il Card. Arcivescovo guida, dalla Cattedrale, la celebrazione dell’Ufficio delle letture e delle Lodi. Quest’anno non è possibile compiere la benedizione delle uova e dei cibi pasquali. Una preghiera apposita di benedizione sarà predisposta dall’Ufficio liturgico, che si può recitare in famiglia.

Alle ore 21.00, in Cattedrale, il Card. Arcivescovo presiede la Messa della Risurrezione nella veglia Pasquale. Nelle parrocchie tutto si svolge all’orario stabilito, con le limitazioni del momento. La liturgia battesimale si compie nella forma più semplice, senza la benedizione del fonte e senza celebrazione di Battesimi. Chi non partecipa alla Veglia Pasquale, celebri l’Ufficio delle Letture come stabilito nella Liturgia delle ore.
(E’Tv-Rete7 – Trc -Radio Nettuno – Streaming 12Porte)

12 aprile – Domenica di Pasqua.
Alle 10.30 l’Arcivescovo presiede la S. Messa, dalla Cattedrale, teletrasmessa. Le celebrazioni nelle altre chiese devono rispettare le stesse indicazioni delle altre domeniche.
(E’Tv-Rete7 – Trc -Radio Nettuno – Streaming 12Porte)